Sara Giunti, le borse con l’interno illuminato

Sara Giunti è semplicemente un genio. Perché non saprei come altro definire una designer che ha avuto l’intuizione di portare una miglioria alle borse, tanto semplice quando originale.

Le sue borse si illuminano. Quando le apri, si accende una fascia di piccoli led. E dentro le borse arriva la luce. Sì, quella che serve per trovare le cose che ficchiamo in borsa, senza invecchiare di 10 anni nel frattempo.

Le borse disegnate da Sara si dividono in due linee: Sara Giunti – in pelle e con un supplemento di tecnologia in più – e 289 by Sara Giunti, la seconda linea, più economica e giornaliera.

SARA GIUNTI

Le borse della prima linea sono in pelle, hanno forme più di tendenza e oltre ad avere la luce che si accende automaticamente, hanno un power bank incorporato. Sì, potete ricaricare il telefono dentro la borsa, usando semplicemente il tuo cavetto.

L’ispirazione per la collezione Primavera Estate 2018 viene dal mondo della natura e delle api, che Sara alleva nella sua casa di campagna. Romanticismo abbinato a linee decise, perché – del resto – le api sono degli animaletti forti. E obbediscono ad una regina.

289 BY SARA GIUNTI

La seconda linea è fatta di borse dalle forme più tradizionali, in waterproof canvas – non si tratta di pelle ma di PVC – e da una tecnologia diversa.

I led non si accendono automaticamente, ma con un piccolo pulsantino. Non c’è il power bank, ma queste borse, in compenso, si parlano con il vostro smartphone.

Attraverso l’app dedicata, potete decidere di far vibrare la borsa quando ricevete una chiamata o un messaggio (sms, WhatsApp o Facebook). Insomma, mai più chiamate perse o vitali WhatsApp perduti nell’etere.

Sul sito trovate anche i modelli autunno – inverno, quelli dell’articolo invece sono i modelli Primavera Estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *