Lady Gaga, gli outfit di You and I

Lady Gaga è tornata in grande stile con il video di You and I, nuovo singolo estratto da Born this way, sfoderando outfit sempre più spettacolari e tornando ai fasti dei video che l’hanno resa famosa. 8 cambi d’abito – coda da sirena esclusa – e una comparsata come Joe Calderone, suo alter ego maschile comparso per la prima volta sulla co di Vogue Japan.

 

Nella sequenza d’apertura Gaga indossa un cappello di Philip Treacy, giacca YSL, pantaloni Chanel, Gli occhiali sono vintage e appartengono a lei stessa.

 

Le scarpe sono di Pleaser (e siamo convinti che non abbiano questi spaventosi effetti collaterali sanguinolenti).

 

Joe Calderone, in una delle scene più belle che si siano mai viste nei video di Lady Gaga – la cantante, acqua e sapone e il suo alter ego maschile si guardano innamorati e si baciano – indossa una t-shirt bianca di Uniqlo, pantaloni Dior Homme e stivali Chanel.

 

Lady Gaga indossa un abito customizzato di Hussayn Chalayan e scarpe Capezio.

 

In queste scene inquietanti, Gaga indossa un total outfit dell’interessantissimo designer olandese Jan Taminiau. Gli occhiali fatti di forcine – che faranno tendenza come quelli fatti di sigarette in Telephone – sono frutto delle idee geniali di Haus of Gaga.

 

 

 

Parrucca verde acqua e look bondage per le scene in cui Gaga balla sulle coreografie di Laurianne Gibson e Richard Jackson: l’imbracatura è stata ideata da Zana Bayne, le scarpe sono Pleaser.

 

 

 

 

Anche questo look è stato creato intramente da Jan Taminiau.

 

In questa scena, il focus è sulle scarpe griffate Mugler. Del resto, non poteva mancare un pezzo del brand curato da Nicola Formichetti, stylist di Lady Gaga.

 

La chicca finale del video è Lady Gaga in abito da sposa vintage, appartenuto a sua madre e abbinato ad un velo realizzato da Perry Meek/Haus of Gaga.

 

Non vi è venuta voglia di rivedere il video per l’ennesima volta? (nel caso ve lo stiate chiedendo, il protagonista maschile del video si chiama Taylor Kinny). Tutti i credits del video li trovate sul blog di Nicola Formichetti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *