Gianfranco Ferrè, l’arte della costruzione [speciale sfilate SS 2012]

 

L’attenzione alla costruzione tipica del maestro Gianfranco Ferrè torna con prepotenza nella prima collezione disegnata da Stefano Citron e Federico Piaggi, ma tutto è rinnovato all’insegna della modernità. A partire dalla storica camicia bianca che diventa un seducente top che tra giochi di asimmetrie e nudità si interseca con rigide cinture oro.

Le asimmetrie, le scollature profonde e gli spacchi conferiscono un’immagine sexy esaltata dagli accessori metallici oro e argento, cinture e sandali a stiletto acquistano un accento perfino “sado-chic”. Il bianco trionfa in apertura, lascia posto a pochi capi in viola e poi al total black. Di sera la donna Ferrè è un raffinato uccello che ricopre di cristalli, ricami di raffia e piume laccate i leggeri veli di tulle

La cintura rigida in metallo o morbida e annodata in pelle segna la vita alta. La silhouette è morbida, i pantaloni si fermano alla caviglia, ma gli abiti arrivano anche ad essere cortissimi per la sera.

Assistere a questo felice debutto dei due direttori creativi è stato un grande piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *