Lapo Elkann: le regole dello stile [Vogue Experience XI]

da vogue.it

In una domenica soleggiata, la prima di relax dopo due mesi di lavoro intenso iniziato a gennaio con Pitti, non ho potuto non rispondere all’invito di Franca Sozzani e Vogue.it che hanno organizzato la loro undicesima “Experience” dedicata a Lapo Elkann e al suo libro “Le regole del mio stile”.

Chi ci segue conosce già la predilizione di TheWardrobe per Italia Independet e la sua filosofia, così vicina al nostro “il vero lusso è essere se stessi”. Mi capita di sentirmi chiedere spesso il perchè della mia ammirazione verso Lapo Elkann e puntualmente mi scontro con scettici che si adagione sulla presunzione di sapere già tutto ciò che si nasconde dietro un personaggio “privilegiato”, per di più spesso massacrato da certa stampa, almeno quanto osannato da tanta altra. A questo punto però la mia migliore risposta non potrà che essere il consiglio di leggere proprio “Le regole del mio stile”, perchè tra confessioni, semplici considerazioni, qualche racconto di esperienze di vita, questo libro dà il migliore ritratto di uno dei creativi italiani più interessanti della sua generazione, un ragazzo che ha preferito rischiare per costruire un proprio progetto e dare vita a idee nuove, piuttosto che godersi i privilegi certi assicurati dal cognome che porta.

Nell’autografarmi la copia del libro Lapo non ha rinunciato tra l’altro a dichiare ancora una volta l’amore per la squadra del Palermo, del resto come scrive nel libro è una delle città che più gli piacciono in Italia, sarà forse per quel mare pieno di sfumature di blu, suo colore preferito?

Queste che vi riporto sono alcune delle frasi che ho appuntato sulla mia moleskine durante la lettura del libro, quella in apertura è una foto presa dalla gallery di Vogue.it oggi apparsa sulla home page.

Al budget sempre più piccolo si deve rispondere con idee sempre più grandi.

Chi teme la propria creatività è destinato a perderla.

A volte stare comodamente immobili nella propria quotidianità non ci fa capire che un cambiamento potrebbe migliorare la nostra vita.

Se sei una persona sensibile, senti le cose più degli altri e le patisci più degli altri. Le sensazioni sono più forti, più belle, ma anche più dolorose.

Il punto non è quanto grande una cosa è, ma quanta gioia e soddisfazione ti darà farla e pensarla quando ti alzi la mattina e quando vai a letto la sera.

Non bisogna mai avere paura di osare essere se stessi.

“LE REGOLE DEL MIO STILE” di Lapo Elkann, Add Editore (18,00 €)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *