Women Wear Digital: 4 momenti social della #MFW che potreste esservi persi

Che la settimana della moda milanese possa essere seguita sui social sbirciando l’hashtag #MFW non è un mistero ormai per nessuno. Parallelamente, proliferano hashtag più o meno brandizzati da aziende che decidono di cavalcare l’onda social della moda, proponendo iniziative dedicate a blogger e utenti.

Quattro, però, sono le iniziative “digital” degne di note di questa Milan Fashion Week che ha proposto in passerella le collezioni Autunno – Inverno 2014/2015.

Fendi e i droni in passerella

 

Fendi - droni in passerella

Prendi un marchio che ha iniziato un processo di “svecchiamento” del target, unisci la necessità di rendere la sfilata più notiziabile delle altre 60 previste in calendario e aggiungi un pizzico di Google. Ed ecco che ne viene fuori lo streaming più interessante della fashion week italiana e non solo.

Fendi ha deciso di utilizzare i droni – nuovo trend del mondo tech – per riprendere la sfilata da una prospettiva diversa: durante lo streaming gli utenti potevano scegliere di vedere lo show dalla prospettiva frontale classica o collegandosi alla “drone camera”. Traballante ma suggestiva, la prospettiva dei droni cambiava in continuazione, mentre questi volavano sulla testa degli ospiti.

Sul sito del brand potete vedere il video con gli occhi dei droni. Che ovviamente erano firmati Fendi.

Moschino, il debutto di Jeremy Scott

 

Moschino - Jeremy Scott

Parterre di celebrity internazionali, da Katy Perry a Rita Ora, una collezione totalmente pop, infarcita – è il caso di dirlo – di riferimenti espliciti al mondo dei fast food come metafora del fast fashion e di personaggi dei cartoni animati. Il buzz online  creato dalla collezione Moschino disegnata per la prima volta da Jeremy Scott è stato talmente forte che, anche se non avete amici fashion blogger, ha invaso di sicuro anche il vostro newsfeed. Jeremy Scott ha ribaltato i canoni di eleganza portando in passerella abiti ispirati alle divise di Mac Donald e Moschino ha fatto altrettanto con i canonici processi di vendita della moda.

Solitamente, le collezioni che sfilano in Febbraio sono disponibili nei negozi a Settembre: questa volta, sull’onda lunga del delirio social, la collezione è stata messa in vendita online su moschino.com immediatamente dopo lo show. Si tratta in realtà di un capsule collection “Fast Fashion – Next Day After The Runway”, composta da 10 dei pezzi che abbiamo visto in passerella. Neanche Burberry, con il suo “shop the runway”, era riuscito a fare tanto: il brand inglese, infatti, consentiva di ordinare i capi visti in passerella, ma la loro disponibilità variava dalle 6 alle 8 settimane successive alla sfilata.

Vogue – #aconversationwith

 

Vogue - a conversation with

Franca Sozzani e Vogue hanno sempre sostenuto i giovani talenti della moda italiana: per chi non lo sapesse, ogni anno a Palazzo Morando alcuni selezionatissimi talenti emergenti della moda espongono i pezzi forti delle loro collezioni, usufruendo di una vetrina importantissima.

Vogue ha deciso di amplificare questa sua funzione di talent booster grazie ai social media con #aconversationwith, tweet-talk che coinvolgono giovani talenti durante la settimana della moda. Quest’anno, tra i protagonisti, anche  Marco De Vincenzo e Superduper Hats, che hanno risposto alle domande degli utenti, espresso la filosofia dietro i loro brand e beneficiato di una vetrina che conta quasi 500.000 follower.

#FashionLumia, lo smartphone che sfida le reflex

 

#FashionLumia - foto di Vincenzo Grillo

Windows Phone ha lanciato ai blogger di streetstyle una sfida insolita: lasciate a casa la reflex e scattate i vostri look preferiti con il nuovo Nokia1020, lo smartphone con la fotocamera più potente del momento (41 megapixel). Elisabetta Marzetti, Elena Braghieri, Vincenzo Grillo, Gianluca Senese e Melanie Galea si aggirano come sempre tra i fotografi, ma questa volta armati di Lumia. Potete seguire i loro scatti di streetstyle con l’hashtag #FashionLumia.

Le foto più belle saranno esposte durante un cocktail alla fine della Fashion Week.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *