Written by 14:38 entertainment, sfilate

Milano Moda Donna, la fashion week si accorcia. Ha vinto la Wintour?

XMTtjbmpXNtcBpYRcmUaWhZUaWQNjEzNjk=  WHRBffffff   dfc

La polemica sull’eccessiva lunghezza della Settimana della Moda Milanese è diventata tra appassionati e addetti ai lavori tanto ricorrente quanto l’animalier in passerella. Quest’anno però, guardando il calendario, qualcosa sembra essere cambiato. A sfavore della moda italiana.

Andiamo con ordine. Anna Wintour sostiene da anni che 7 giorni di fashion week sono troppi, perché già da martedì lei deve essere a Parigi per seguire la settimana della moda omonima. [la Milan Fashion Week inizia il mercoledì e finisce il lunedì successivo. Fino ad un anno fa, anche il martedì era un giorno di sfilate n.d.r].

Fino alla scorsa stagione, l’unico modo per trattenere a Milano i giornalisti più influenti è stato “far sacrificare” qualche big, facendolo sfilare il lunedì. E il martedì – abolito da un anno – è sempre stato il giorno “dei giovani”, con sfilate quasi sempre prive di giornalisti e ricche di wannabe (o blogger veramente interessate al fenomeno dei nuovi talenti).

Tant’è. Quest’anno, a sfogliare il calendario sul sito di Camera Moda (ancora provvisorio e disponibile qui) pare che tutto si fermi a domenica sera. Con il dovuto rispetto per brand come Paola Frani e Mila Schon, pare davvero che la settimana della moda milanese, quest’anno, durerà 5 giorni.

“Oh no, che dramma!” direte voi, pensando che ci siano giustamente problemi ben più gravi.  Ma il problema, oltre che di prestigio per la nostra moda è anche economico. E lo lascio spiegare direttamente alla Camera di Commercio di Milano

Milano e la settimana della moda, un connubio che nei giorni delle sfilate porta in media oltre 8 milioni di euro in ricavi per le imprese del settore alberghiero di Milano e provincia. Sono in media 1,5 milioni di euro di ricavi in più rispetto ad una settimana normale dello stesso mese. Ricavi che si concentrano nei primi tre giorni di sfilate, da sole oltre il 62% del totale.

(potete scaricare l’intero documento sul sito)

Può, quello dell’organizzazione della Fashion Week essere un problema solo della Camera della Moda Italiana? Dove sono opinionisti e “influencer”, stilisti e politici quando Anna Wintour – alla fine – la spunta?

(Visited 102 times, 1 visits today)
Close