Written by 11:16 entertainment, LIFESTYLE

Sanremo 2015, i look della terza serata

Sanremo&#;terzaserata

Premessa: ammetto candidamente di non aver visto la terza serata del Festival, ma il giovedì per me è dedicato a MasterChef e neanche Sanremo 2015 è riuscito a smuovere questa consuetudine. Ho passato in rassegna i look questa mattina a colazione e li ho abbondantemente metabolizzati: ecco i promossi e i bocciati della terza serata di Sanremo 2015.

I look dei conduttori

Carlo Conti prosegue nel segno dell’eleganza in Salvatore Ferragamo, così come Arisa continua ad indossare Daniele Carlotta, scegliendo per la terza serata dei look più ironici e che la riportano un po’ all’Arisa cartone animato di qualche anno fa, ma senza mai scadere nel ridicolo.

Gli abiti indossati da Rocio Munoz Morales portano la firma di Roberto Cavalli,  e appartengono precisamente della linea Atelier. Inutile dire che in fatto di look Rocio è promossa a pieni volti anche stasera: perfetto il fitting, perfetti i colori.

Sembrano confermati i rumors sugli outfit di Emma Marrone: la cantante li ha scelti personalmente e acquistati di tasca propria in boutique. Durante la terza serata di Sanremo 2015 ha scelto di indossare due creazioni Valentino, ma – ahimé – ci tocca bocciarla, specialmente per la scelta del primo outfit. Troppo tono su tono, taglio dell’abito sbagliato per il suo corpo ed effetto “stipato”. Neanche il secondo le rende giustizia. Promuoviamo i capelli, finalmente sciolti e le scarpe.

Gli altri look visti sul palco di Sanremo 2015

Premio “qui non è Hollywood” ad Anna Tatangelo, che esagera sia nell’abito che nell’acconciatura: elegante, per carità, ma forse eccessiva per il festival. Forse era il look studiato per la serata finale, ma visti i risultati della sera prima ha preferito giocarselo subito? Vedremo.

Premio “la prima cosa che ho trovato” a Irene Grandi, che veste PnP. Osa pochissimo e si presenta in jeans e maglietta: va bene lo spirito rock, ma un minimo di cura in più l’avrei messo.

Premio “Minimal Chic” a Malika Ayane che ritorna sul palco in Albino con un altro abito dalle forme morbide e inconsuete. Difficile da capire per chi considera “eleganza” solo abiti fatti di lustrini e paillettes. Un abito non per tutti.

Premio “Hai vinto” a Bianca Atzei, che sfoggia il look più elegante e particolare della serata. Splendida in Antonio Marras, sardo come lei, è semplicemente perfetta nel gioco di plissè e trasparenze dell’abito.

Premio “We can be heroes” a Nina Zilli, che sfoggia un look Vivienne Westwood da supereroina e riesce senza scadere nel ridicolo o nella caricatura di se stessa. Un outifit in linea con il suo personaggio, che promuoviamo, pur ammettendo che non avremmo mai il coraggio di indossarlo.

Premio “Il boss delle cerimonie” a Lara Fabian, che si presenta di taffetà vestita come qualsiasi zia di paese al matrimonio del nipote di quarto grado. Bocciata!

Premio “equilibrio tra stile e personalità” ad Annalisa, che veste Just Cavalli anche questa sera. La cantante sceglie un look adeguato al palco e alla sua età, mixando pelle, seta ed eleganti borchie.

Al termine della terza serata, abbiamo già un vincitore: Roberto Cavalli, che ha vestito sia Rocio che Annalisa, due tra le migliori sul palco.

(Visited 55 times, 1 visits today)
Close