Hackett London: tra fashion week e Formula 1

Hackett London Williams F1 Team

Cos’hanno in comune le sartorie e i circuiti di Formula 1? D’istinto si direbbe nulla, ma soffermandosi un momento il legame esiste ed costituito da un elemento essenziale: la presenza di individui di sesso maschile. Il pitstop non è mai stato così cool come nel video realizzato da Hackett London per celebrare il legame con Williams Martini Racing di cui è fornitore ufficiale pluriennale. Non esiste infatti un contesto ideale per esaltare l’eleganza, lo stile, la qualità di uno dei brand che meglio testimonia la tradizione della sartoria inglese. Decontestualizzare, anzi, può essere la chiave vincente per comunicare che il ben vestire si esprime in qualsiasi situazione, in qualsiasi momento.

Ecco così i 17 mebri del team della casa automobilistica in abito scuro, camicia bianca, cravatta dal nodo perfetto e pochette da taschino svolgere le loro abitudinarie operazioni durante il pitstop. L’occasione di questo divertente progetto di comunicazione è il lancio di una capsule limited edition che Hackett London dedica a questa prestigiosa partnership: camicie, t-shirt, polo e giacconi.

Hackett_AW15_006

Hackett_AW15_013Più canonico l’approccio alla capsule collection “Sheep, shape al London Fashion” che Jeremy Hackett ha deciso di presentare in occasione della London Fashion Week autunno/inverno 2015-2016 di gennaio. Una dichiarazione d’amore per la più mirabile tradizione sartoriale inglese con qul tocco di doverosa e proverbiale stravaganza british. Due le fonti d’ispirazione: Savile Row da una parte e il non convenzionale modo di mischiare tessuti del sarto Tommy Nutter dall’altra. Ne derivano 12 look in cui la tradizione non diventa una prigione per la creatività, ma lo strumento per esaltarla: dall’abito in flanella in grigio e blu navy all’abito a 3 pezzi che mescola, tra quadri, gessati, tasche a contrasto e toppe sui gomiti. A chiudere lo show un abito a 3 pezzi il cui tessuto è stato ottenuto dalla tosatura di un gregge che tempo fa Jeremy Hackett aveva acquistato con Fox Brothers & Co.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *