Written by 10:32 entertainment, LIFESTYLE • 5 Comments

5 motivi per cui Cenerentola è meglio di 50 sfumature (e va visto)

dakota vs lily

In una riga: perché “Sii gentile e abbi coraggio” è un mantra decisamente migliore che “Sentiti donna solo quando un miliardario ti compra a colpi di frusta e regali”. Ma andiamo con ordine.

Premetto che ho letto “50 sfumature di grigio” quando uscì e che per tutto il tempo il desiderio più grande era quello che finisse presto (non lascio mai i libri a metà). Non ho visto il film, preferendo spendere i soldi del biglietto in un aperitivo.

Ho visto, invece, Cenerentola, appena uscito nelle sale: un capolavoro per bambine reali e cresciute, che vi farà dire addio allo stereotipo di principessa passiva e in pericolo e vi farà rivalutare la figura della ragazza più bistrattata delle fiabe.

dakota vs lily

Posso senza dubbio affermare che è meglio un giorno da Cenerentola che 100 da Anastasia. Perché?

1. Cenerentola è più reale.

Diciamoci la verità. Un miliardario che si innamora di una ragazza “normale”, che la ricopre di regali, che le fa firmare un contratto, che la introduce al sesso e al sado e che la fa pure venire durante la sua prima volta ?
Francamente credo di più alla storia di una ragazza che deve vedersela con gentaglia che la odia, e che fa innamorare il principe di Vattelappesca per quello che ha da dire. Nel film, infatti, il principe resta colpito da Cenerentola quando la incontra nel bosco e si prende un cazziatone perché sta cacciando un cervo per puro divertimento.

cenerentola al ballo

2. Cenerentola ha un messaggio positivo.

“Sii gentile e abbi coraggio”. Questo dice la madre di Cenerentola prima di morire. Non vuol dire che bisogna prendere mazzate senza colpo ferire ma di non farsi mai trascinare dalla cattiveria altrui, rispondendo con la stessa moneta. Il karma esiste.
Cinquanta sfumature parla di un rapporto di dipendenza malato, che purtroppo a più donne ha fatto esclamare “Magari ci fossero più Mr. Grey nel mondo”. Big news: in ogni caso non starebbero con te. Credimi.

Cinquanta Sfumature

Qualcuno bruci l’armadio di Anastasia, presto!

 

3. Cenerentola si veste meglio di Anastasia

Non sto parlando del vestito creato dalla fata madrina, ma degli stracci proprio. Non ci vuole molto ad essere meglio vestita di Anastasia che indossa delle ballerine orribili per quasi tutto il film. In più, a lei i vestiti li compra l’autista o il servo della gleba di mister Grey (adesso non ricordo) mentre Cenerentola è in grado di sistemare da sola un vestito di sua madre e ha i capelli da favola pure in mezzo al fango.

CINDERELLA

Cenerentola super chic anche quando sfama le oche

 

4. Lo spessore dei personaggi

Tornando seri per un attimo, in Cenerentola tutti i personaggi hanno uno spessore.
La matrigna, interpretata da Cate Blanchett, è un personaggio dalle mille sfaccettature: non è una cattiva tout court ma ha il suo vissuto doloroso, che l’ha portata ad essere così.
In Cinquanta sfumature, nonostante il nome, i personaggi sono decisamente “monocromatici”: Anastasia da un giorno all’altro si rende conto che vuole di più da Grey, senza alcuna ragione apparente. Si sveglia. E cambia idea. Bene.

Anastasia

5. Perché è più dignitoso sognare l’intervento della fata madrina che un miliardario che ti mantiene.
Dignità, please.

(Visited 294 times, 1 visits today)
Close