Written by 18:51 eventi, LIFESTYLE

Test drive with portrait: l’ora di mettersi alla guida

andrea vigneri

TRZ_3231

Qualche settimana fa ho accettato uno strano invito da parte della compagnia di assicurazioni Direct Line: farmi ritrarre durante la guida. Nessuna posa immobile quindi, ma solo le spontanee espressioni da automobilista. Risultato? La conferma (sperimentata scientificamente però!) di quanto sappiamo: il volto umano non mente mai, è capace di tradire i dubbi o svelare i nervosismi, ma anche di trasudare la sicurezza o trasmettere serenità.
TRZ_3212

Ricevere il ritratto è stato sufficiente a smentire la convinzione che, dopo anni di disordinato traffico palermitano, il traffico milanese non fosse un pericolo. Strade e percorsi sconosciuti, un’auto mai guidata prima, la presenza di estranei intenti a scrutarti con taccuino e matita o macchina fotografica alla mano, devono avere sortito un effetto negativo. “Al volante ti sei dimostrato poco sicuro e questa tensione si è riflessa nelle tue espressioni…dov’era finita l’espressione serena che avevi prima di salire in macchina? “, così recita la relazione ricevuta dal Team di Direct Line.
TRZ_3286

TRZ_3200

Una conclusione che ha così svelato profondamente il senso di questo divertente e utile esperimento, stimolando una riflessione semplice, ma proprio per questa ragione trascurata: la sicurezza ci fa belli! Un principio universale che spesso già le analisi sulle mode, lo stile, e le tendenze ci hanno spesso ribadito, perché in fondo che si tratti di indossare un abito o di stare alla guida di un’auto, tanto più saremo sicuri, tanto meno rischieremo tremendi scivoloni di stile o piccoli, banali incidenti automobilistici e con un sorriso smagliante alla guida. Del resto solo nei film gli incidenti si trasformano in colpi di fulmine, nella vita reale si resta folgorati dal proprio vicino/a d’auto in coda al semaforo, no?

(Visited 42 times, 1 visits today)
Close