Contest #Postestyle, disegna la divisa dei portalettere e vinci una borsa di studio

1960-circa-ca._PTI-F-000957-0000

Ci sono figure che riteniamo quasi naturali, ci sono e basta. Fanno parte della nostra vita quotidiana ma quasi non ce ne rendiamo conto. Eppure, come faremmo senza i portalettere?

Ambasciator non porta pena, si dice, ma molto spesso porta felicità: un pacco che aspettiamo con ansia, la partecipazione al matrimonio dei nostri amici lontani, un invito – qualcuno li spedisce ancora via posta, sì.
I “postini” sono stati per anni l’unico collegamento con il mondo e con i propri cari lontani, venivano attesi con ansia e nei piccoli paesi erano delle vere e proprie celebrità. Tutti conoscevano il postino!

1955-circa-X2.0.8.1

Le cose sono cambiate, certo, ma il ruolo di questa figura resta comunque importante: in bici o in motorino, ogni mattina ne incrociamo sempre qualcuno per strada, con il suo giubbotto giallo sgargiante.
Ed è proprio lì che volevamo arrivare, al giubbotto e a tutto il resto della divisa che i portalettere indossano ogni giorno per essere riconoscibili.
Le cose cambiano, dicevamo, e tra queste anche le divise dei portalettere. E il motore di questo cambiamento potreste essere voi!

Poste Italiane ha indetto un contest per disegnare le nuove divise dei portalettere, rivolto a studenti di moda e design e mette in palio una borsa di studio da 20.000 euro per il vincitore. Una borsa che dovrà essere utilizzata per iscriversi all’università o ad un master. Perché lo sappiamo, studiare moda non è proprio una passeggiata per le tasche di studenti e genitori.

1949-PTI-F-000100-0000

Ecco in 9 brevi punti i dettagli dell’operazione

    1. Possono partecipare gli studenti delle scuole e istituti di design pre-selezionati da Poste italiane: questi enti hanno già selezionato un docente di riferimento, che sarà il coordinatore del progetto.

 

    1. Se il vostro istituto non rientra tra questi, parlate con un vostro insegnate: potete fare ugualmente domanda, designandolo come coordinatore del progetto.

 

    1. Le divise che disegnerete devono utilizzare i colori aziendali – giallo e blu – nelle proporzioni che preferite. Potete aggiungere altri colori come il grigio, sempre rispettando le linee guida aziendali.

 

    1. Le divise devono essere riconoscibili, ergonomiche – ricordate che i portalettere si muovono in bici e motorino – belle – ovviamente – facili da pulire e possibilmente ecosostenibili. 

 

    1. Avete tempo fino al 30 maggio per iscrivervi sul sito dell’iniziativa.

 

    1. Avete tempo fino al 24 giugno per inviare il vostro progetto.

 

    1. Potete caricare un solo progetto: una volta inviato, non potrete più modificarlo.

 

    1. Saranno i docenti a fare una pre-selezione. Dal 24 giugno al 4 luglio, i docenti selezioneranno il miglior lavoro del loro istituto e lo sottoporranno a Poste Italiane.

 

    1. Il 7 luglio sarà decretato il progetto vincitore.

 

1962-PTI-F-002639-0000

Ma cosa comporta disegnare la divisa del portalettere?

Intanto, dovrete prevedere sia la divisa maschile sia quella femminile – un suggerimento: evitate la gonna, non piace né alle portalettere né alle persone. Inoltre, serve sia la versione invernale – in motorino fa freddo! – sia quella estiva. E non dimenticate gli accessori.

Qualche suggerimento da The Wardrobe

Abbiamo corredato questo articolo con foto di archivio e illustrazioni di Poste Italiane per darvi un po’ di ispirazione. Noi adoriamo le linee retrò che sono comunque attualissime, quindi vi consigliamo un po’ di ricerca.

Per quanto riguarda i colori, il blu è senza dubbio l’espressione massima di raffinatezza ma il giallo è funzionale per la visibilità.

Se volete partecipare al contest #postestyle o semplicemente volete saperne di più, andate su contestnuovedivise.posteitaliane.it.
Sul sito troverete il brief dettagliato da seguire e tutte le procedure di partecipazione.


1912-PTI-F-001676-0000

1921-PTI-F-001684-0000

1934-PTI-F-001896-0000

Questo post è stato realizzato in collaborazione con Poste Italiane.

 

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *