Satispay: come funziona l’app per pagare e risparmiare da mobile

Chi mi segue su Instagram sa che Satispay è diventata partner della 52 week challenge, la sfida del risparmio che permette di mettere da parte circa 1300 euro in un anno.

In molti mi hanno chiesto di spiegare meglio Satispay e le sue funzioni, quindi eccoci qui con un post tutorial che esplora l’app in tutte le sue sfaccettature.

Che cos’è Satispay?

Satispay è un app per smartphone (Android e iOs) che consente di pagare attraverso il telefono nei negozi associati al circuito.

Satispay è collegata in maniera sicura al tuo conto in banca, dal quale puoi spostare soldi sull’app e viceversa.

I pagamenti nei negozi non sono l’unica cosa che si può fare su Satispay.

Si possono mettere da parte dei soldi con la funzione risparmi, pagare il bollo auto e le bollette, fare ricariche telefoniche, donazioni e inviare soldi agli amici.

Pagare nei negozi con Satispay

È la funzione principale dell’app. È utile non solo perché si possono fare pagamenti anche di pochi euro (sì, potete pagare il caffè al bar, addio spiccioli) ma anche perché l’app stessa presenta l’elenco dei negozi aderenti al circuito, in base alla tua geolocalizzazione.

Satispay elenco negozi aderenti


Inoltre, puoi scoprire le promozioni in corso in quel momento: sono moltissimi gli esercenti che effettuano il cashback, ovvero vi restituiscono una percentuale dei soldi spesi attraverso l’app.
Un modo rapido e indolore per risparmiare senza fatica.

Per pagare, basta cliccare sul nome del negozio, digitare l’importo dovuto et voila. Il pagamento arriva in pochi secondi.

Risparmiare con Satispay: cashback, spiccioli e salvadanaio

Nella funzione risparmi hai la possibilità di creare dei salvadanai in cui accumulare un po’ di soldi.

Il primo modo è quello di scegliere di accantonare in automatico il cashback ricevuto al momento degli acquisti.

Il secondo è quello di accantonare gli spiccioli. Per intenderci, se paghi 2,60 euro per la vostra colazione al bar, l’app arrotonda a 3 euro, sposando 40 centesimi sul tuo salvadanaio.

Satispay per i risparmi

Il terzo modo consiste nell’impostare lo spostamento periodico di una cifra fissa in un salvadanaio. Ad esempio, accantonando 10 euro a settimana, arriverai alla fine dell’anno con 520 euro. Una bella cifra da investire in una borsa, non credete?

Il quarto modo è quello della 52 week challenge, che si effettua spostando manualmente l’importo corrispondente al numero della settimana stessa, arrivando ad accumulare 1378 euro.

La funzione risparmi è spiegata molto bene in questo vlog realizzato da Satispay, per annunciare il lancio della funzionalità.

Raccogliere soldi tra amici: mai più “poi te li porto” grazie a Satispay

Hai presente quando si deve raccogliere una quota per un regalo o una scampagnata e puntualmente c’è qualcuno che non ha i contanti e ti chiede di anticipare?
Fagli scaricare Satispay e risolverete il problema alla radice. Grazie all’app si possono inviare anche somme tra privati. Comodissimo.

Altri pagamenti con Satispay: ricariche, bollettini e bollo auto e moto

Per fare una ricarica, basta andare nella sezione dedicata, selezionare l’operatore e decidere a chi erogare la ricarica. Non solo puoi ricaricare il tuo credito ma anche quello di amici, figli, genitori.

Bollettini e bolli invece si pagano inquadrando il qrcode presente sul bollettino stesso. Addio file in poste!

Satispay tutte le funzioni dell'app

Come iniziare ad usare Satispay (e ricevere 5 euro di bonus di benvenuto)

Scarica l’app e tieni a portata di mano la carta d’identità, il codice fiscale e il tuo IBAN.

I tuoi dati sono necessari per questioni di sicurezza.
L’IBAN, invece, serve perché Satispay si collega direttamente al tuo conto, rendendo il tutto molto più sicuro.

L’IBAN infatti non è un dato sensibile e non può essere utilizzato per fare pagamenti senza l’autorizzazione dell’intestatario.

In fase di iscrizione, inserisci il codice SIMONAMELA per ricevere 5 euro di bonus di benvenuto e procedi con le fasi di inserimento dei dati di cui abbiamo appena parlato.

Per ricevere il bonus, devi fare il passaggio più importante, ossia l’impostazione del budget settimanale. Si tratta della disponibilità che decidi di avere sull’app e che ii consentirà di fare i pagamenti e accantonare i risparmi.

Esempio pratico. Imposto un budget settimanale di 50 euro. Durante la settimana vado a pranzo fuori con i colleghi, spendo 10 euro, quindi la mia disponibilità residua è di 40 euro.

La settimana successiva Satispay preleva dal mio conto i 10 euro che servono per riportare il budget al livello stabilito.

Satispay, un po’ di domande a Massimiliano Scrigner – Marketing & Business Intelligence a Satispay

Quante sono le persone che usano Satispay in Italia? E quanti negozi?

A fine 2018 abbiamo raggiunto il mezzo milione di persone che utilizzano Satispay in tutta Italia, mentre i negozi sono oltre 67.000. Con Satispay è possibile pagare in bar, ristoranti, farmacie e negozi di abbigliamento. I negozi in cui pagare con Satispay sono sia piccole realtà, sia grandi brand come Benetton, Motivi, Fiorella Rubino e Elena Mirò, alcuni dei quali hanno integrato Satispay anche come metodo di pagamento nel loro e-commerce, come Kasanova e Pittarello.

Satispay come funziona

Ci sono piani di espansione all’estero? In quali Paesi si può già usare l’app?

Fino ad ora abbiamo deciso di concentrarci sul mercato italiano.
L’aspetto molto interessante però è che abbiamo fin da subito sviluppato la piattaforma in prospettiva di un’internazionalizzazione. Questo significa che quando decideremo di lanciare il servizio in Germania o Francia, la piattaforma sarà già pronta!

Perché Satispay è sicura al 100%?

Satispay si basa su un principio differente dagli altri sistemi di pagamento elettronici. La maggior parte dei servizi infatti si basa sulle carte di credito e di debito.

Satispay invece si collega direttamente all’IBAN.
Questo è un vantaggio per due motivi.

Il primo perché in questo modo si elimina un intermediario e quindi i costi delle sue commissioni.

Grazie all’eliminazione degli intermediari noi possiamo mettere a disposizione degli esercenti un servizio estremamente trasparente ed economico (sotto i 10€ di spesa i negozianti non pagano nessuna commissione, sopra i 10€  solo 0,20€).

Il secondo motivo è proprio quello della sicurezza. A differenza di quanto avviene con il numero di carta di credito, con l’IBAN gli addebiti possono essere effettuati solo gli istituti finanziari quindi le tradizionali banche o le piattaforme fintech autorizzate: Satispay infatti è un Istituto di Moneta Elettronica regolato dalla Financial Conduct Authority.

Se qualcuno di non autorizzato ti ruba l’IBAN, l’unica cosa che può fare è inviarti dei soldi ;-)

Qual è la funzionalità che ha avuto maggiore successo finora?

Nella fase di lancio del servizio sicuramente i micro-pagamenti nei negozi!
L’idea di poter scendere al bar senza portafoglio per prendere un caffè è piaciuta fin da subito e il pagamento con Satispay è diventato per tutti i nostri utenti un’abitudine quotidiana.

Un’altra funzionalità che piace tantissimo, anche se lanciata da solo un mese, è il pagamento dei bollettini. Avere un’unica app con cui effettuare tantissimi tipi di pagamenti è l’aspetto che piace di più, perché semplifica moltissimo la vita! A questo poi si aggiunge la possibilità che abbiamo introdotto in autunno non solo di pagare ma anche di risparmiare, grazie ai Salvadanai.

Se sono un negoziante, come faccio ad aderire a Satispay?

I negozianti possono aderire andando sul sito web e inserendo i propri dati. Saranno poi seguiti dai nostri colleghi che li assisteranno nella fase di creazione dell’account e di creazione di uno o più negozi per poter cominciare fin da subito a ricevere pagamenti. Al servizio Satispay Business possono iscriversi esercenti che hanno un negozio fisico.

Questo post è stato realizzato in collaborazione con Satispay, sponsor della 52 week challenge 2019 e partner editoriale di TheWardrobe.
Durante tutto l’anno, gli amici di Satispay mi aiuteranno a darvi consigli sulla gestione del denaro e sui risparmi.

    4 Comments

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *